Tre Passi / Gregory Peck

by Il Buio

supported by
/
  • Streaming + Download

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.

      €2 EUR  or more

     

  • Full Digital Discography

    Get all 4 Il Buio releases available on Bandcamp and save 30%.

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality downloads of Tre Passi / Gregory Peck, L'oceano quieto, Il Buio, and Via dalla Realtà, 7. , and , .

      €9.79 EUR or more (30% OFF)

     

1.
03:27
2.
03:28

credits

released March 3, 2015

È stato registrato nel luglio 2012 da Matt Bordin all'Outside Inside Studio di Montebelluna (TV), mixato e masterizzato da Andrea A. Grigolato nel marzo 2015.

Artwork: Nicola Cioffi

tags

license

all rights reserved

about

Il Buio Thiene, Italy

Il Buio regna sovrano.

contact / help

Contact Il Buio

Streaming and
Download help

Redeem code

Track Name: Tre Passi
Il pensiero è l'unica cosa che ci distingue, che ci estingue
Fredda è la pietra con cui colpisco,
ambigua è la storia con cui ti assopisco

Serve distanza, serve respiro
Serve speranza, serve respiro

Operare nei pensieri senza distanza è cosa da bambini
Sicuro è lo sguardo con cui ti ferisco, colori e luci per occultare ragione.
Frastuono e bugie per coprire il mio grido

Serve distanza, serve respiro

Informazione scava sotterranee strade.
E le mie unghie sanguinano nel trattenermi
L'oblio è il regime del nuovo millennio

Serve distanza, serve respiro
Serve respiro
Track Name: Gregory Peck
Guardavo un film con Gregory Peck
pensavo di essere a Maycomb
aspettando il verdetto sbagliato della giuria.
Soffio nel sacchetto finchè esplode
e le briciole sul fondo
schizzano impazzite come i miei pensieri ieri sera

Ed ogni notte ad ogni ora,
ho di fronte cosa dire
ciò che in fondo non dirò davanti a te

Passi la vita a costruire barriere
attorno a te, tra me e te
E io ad aprire porte nei muri che tu costruisci

Attorno a te tra me e te
Crolla, il tetto crolla e ancora,
ci si ritrova a dare pugni al vuoto imprecando santità
Ma non esisto e alternative non ne ho
imbarco i remi, chiudo gli occhi e credo di essere solo qua

Giudice assennato che ha perso la ragione
non vedi niente se niente c'è
Giudice assennato non trovi distinzione
Tra cercar qualcosa e riconoscersi
non vedi niente se niente c'è.
E io con le mani legate aspettando che torni da me.

La verità si scrive a quattro mani
come fossero le note di un'orchestra
un rauco lamento un dito puntato
o solo un addio, riverso sul tappeto